EXCELSIOR

 

 

Il "Sistema Informativo permanente sull’occupazione e la formazione”, denominato EXCELSIOR, è un'indagine che annualmente viene promossa dall’Unioncamere Italiana e dal Ministero del Lavoro, con il contributo finanziario dell’Unione Europea.

L’aspetto caratteristico di questa ricerca, che ben si integra con gli altri strumenti di conoscenza del mercato del lavoro, è quello di avere una base dati il cui obiettivo è duplice: fornire indicazioni riguardanti le previsioni degli imprenditori sulla numerosità delle entrate e delle uscite di personale dalle imprese e delineare, con la massima precisione possibile, le caratteristiche principali dei lavoratori che gli imprenditori stessi dichiarano di voler assumere nel prossimo futuro.

                                         

 Nel 2016 le imprese con dipendenti dell’ industria e dei servizi che operano in Italia prevedono di attivare 960 mila contratti di lavoro, il 5,5% in più rispetto a quanto previsto nel 2015, quando essi si attestavano intorno alle 910 mila unità.

L’incremento delle entrate, dunque, ha portato a valori assoluti superiori al recente passato, pur essendo inferiore in termini percentuali a quello previsto lo scorso anno rispetto all'anno precedente, quando le imprese, fiduciose nell’approvazione del Jobs Act, misero in programma un incremento delle assunzioni, confermato ex-post dall’andamento dei livelli occupazionali. Su tale dinamica, hanno certamente avuto un impatto, parzialmente, la riduzione degli incentivi ai contratti a tempo indeterminato, in atto dall’inizio del 2016 e, in buona parte, i fattori di contesto più generale: si assiste pertanto ad una ripresa che continua ma non decolla, in uno scenario sempre dominato dall’incertezza.

Nelle Marche si registra un aumento delle entrate complessive pari al 10% rispetto al 2015, un incremento superiore a quello del Centro che si attesta al 7%. In particolare, nella regione, le entrate di contratti di lavoro alle dipendenze segnalano un incremento del 10%, così come per le altre forme contrattuali. Nel 2016 diminuisce il peso percentuale delle entrate "stabili" previste rispetto al totale (dal 28 al 25%), mentre aumentano le forme contrattuali "a termine" che passano dal 50 al 53%. I contratti "atipici", restano stabili, con un peso percentuale pari al 22% sul totale delle entrate previste.

 

 

Sintesi dei principali risultati del 2016

 

Tavole statistiche

 

 

Appendice 1 - Corrispondenze tra settori e classificazione Ateco2007

Appendice 2 - Titoli di studio - Diplomi   e Università

Appendice 3 - Classificazione Istat delle professioni: 1  2  3  4  5  6  7  8

 

Glossario

Nota metodologica

 


 

  ARCHIVIO STORICO SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR DELLE MARCHE

 

 

 

 

 

Unione Regionale Camere di Commercio delle Marche - Largo XXIV Maggio, 1 60123 Ancona, ITALIA Tel. +39 071 52242 Fax +39 071 2075140 PIVA 02227200421 email: unimarche@tin.it | segreteria@unimarche.legalmail.it | site map